Cosa fare se la febbre non scende

Soprattutto in questo periodo siamo particolarmente attenti a tutti i segnali che il nostro corpo ci lancia. Ogni febbre, ogni raffreddore o sintomi influenzali vengono inevitabilmente collegati al Covid-19.

Per questo motivo andiamo nel panico, soprattutto nei casi in cui riscontriamo una brutta febbre che non vuol saperne di passare. Chiaramente il più delle volte si tratta semplicemente di un banale virus o di un malanno di stagione, dunque nulla a che vedere con la pandemia, ma facciamo comunque bene a prendere tutte le precauzioni affinché la febbre possa passare il prima possibile.

Cosa fare dunque se la febbre non scende? Diventa a questo punto necessario recarsi in ospedale, far venire un medico a domicilio o fare qualcos’altro? In questo articolo cercheremo di fare chiarezza.

L’utilità della febbre

Va detto intanto che la febbre è una preziosa risorsa per il nostro corpo, in quanto è il modo in cui il nostro sistema immunitario reagisce a virus e batteri cercando di debellarli.

Per questo motivo non sempre è necessario far scendere la febbre, chiaramente entro una certa soglia, ma lasciarla agire rimanendo comunque in casa.

Ecco allora che la febbre ha in realtà una sua utilità per il nostro corpo e diventa controproducente cercare di contrastarla al minimo segnale di aumento.

Al contrario, cerchiamo di contrastarla soltanto quando la febbre supera 38,5°, a meno che non si tratti di soggetti a rischio quali ad esempio anziani, cardiopatici o persone con insufficienza respiratoria o renale.

Quando è bene rivolgersi ad un medico

Bisogna consultare il proprio medico nel caso in cui, dopo due o tre giorni di riposo ed eventuale assunzione di farmaci, la febbre non accenni a diminuire e le sintomatologie avvertita dal paziente non migliorino.

Questo è proprio il caso in cui è bene richiedere l’intervento di un medico o direttamente un teleconsulto medico per valutare la situazione.

Ciò vale soprattutto per i soggetti a rischio di cui sopra nel momento in cui la febbre dovesse superare i 38,5° o comunque durare da più di 48 ore.

È bene dunque rivolgersi ad un medico quando la febbre raggiunge temperature Alte o quando persiste per più di 3 giorni.

I metodi per far scendere la febbre alta

Ci sono sicuramente alcuni metodi, alquanto casalinghi, che hanno una certa efficacia nel riuscire a far scendere la febbre.

Tra questi sicuramente il più famoso è quello del bagnare con acqua fredda delle pezze e porle sui polsi e le caviglie, così come sulla fronte.

Favoriscono inoltre la diminuzione della temperatura l’astensione dall’assumere alcolici e fumo e l’abbondante assunzione di acqua o succhi di frutta.

In alcuni casi può essere benefica anche una doccia tiepida, in quanto il contatto con l’acqua tiepida favorisce lo scambio di calore tra il nostro corpo e la temperatura esterna.

Questo chiaramente non è un trattamento risolutivo ma temporaneo.

Quali farmaci assumere?

Solitamente il farmaco più adoperato per far diminuire la febbre è l’acetominofene o il paracetamolo, chiaramente seguendo la posologia indicata dalla casa farmaceutica.

Anche l’aspirina ha un buon effetto antinfiammatorio, sebbene bisogna ricordare che questa non va adoperata se si ha la gastrite, l’asma, eventuali problemi alla coagulazione o patologie che interessano il cuore o i reni.

Conclusione

Come regola generale, per far scendere la febbre è sempre valido il consiglio di riposare a letto cercando di fare soltanto pasti leggeri e facili da digerire, bevendo tanta acqua e cercando se possibile di fare una doccia tiepida.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.