Quale acqua bere se si è soggetti ai calcoli renali?

I calcoli renali, comunemente noti in ambito medico come “nefrolitiasi”, sono un problema comune anche in Italia. Si stima infatti che ne soffra circa l’11% della popolazione e, secondo vari studi, la cifra raddoppierà nei prossimi 20 anni.

La ragione? Conduciamo uno stile di vita troppo sedentario, seguiamo una dieta povera e soprattutto non beviamo abbastanza acqua. In questo caso, per prevenire è conveniente capire in anticipo cosa si può fare per evitarli e per questo di seguito ti offriamo i nostri consigli per aiutarti a raggiungere tale obiettivo, dicendoti tutto ciò che è necessario sapere in proposito.

Suggerimenti per evitare i calcoli renali

Come sai, i reni hanno il compito di eliminare scorie e liquidi dal tuo corpo trasformandoli in urina. Ebbene, a volte, se ci sono troppe scorie (sali e minerali concentrati che cristallizzano) e non ci sono liquidi a sufficienza, si possono formare proprio i calcoli renali.

La verità è che, sebbene in molti casi questi si dissolvano senza causare alcun disagio, in altri non ciò non avviene, causando molto dolore durante la minzione, dolore intenso alla schiena o al basso addome e provocando sanguinamento nelle urine.

Per evitare la loro formazione, dovresti ricordare di fare spesso esercizio fisico, ridurre l’assunzione di sale, bere abbastanza acqua ogni giorno e seguire una dieta sana, ricca di frutta e verdura.

Bere tra i 2 ed i 2,5 litri di acqua al giorno è un ottimo modo per ridurre le possibilità di calcoli renali. Riduci inoltre le quantità di caffè, thè o altre bevande analcoliche energizzanti. Pensa che, senza rendertene conto, puoi perdere liquidi e, quindi, disidratarti più velocemente. Riduci inoltre l’assunzione di sale , poiché il suo abuso può dare il via alla formazione dei calcoli renali.

Per darti un’idea, la dose giornaliera consigliata non deve superare i 2 grammi e, anche se non lo vedi nel piatto, ricorda che il sodio è spesso presente negli alimenti trasformati, nei cibi in scatola o nei cibi precotti.

Prova invece ad aumentare il consumo di pesce grasso come salmone, sgombro o trota, che sono anche molto indicati per la salute del cuore. Abbonda con frutta , soprattutto agrumi e verdura, riducendo l’assunzione di proteine ​​animali.

Fare esercizio  è poi qualcosa di molto positivo non solo per rimanere attivi e in salute, ma anche per far sì che i reni migliorino la circolazione e prevengano la formazione di calcoli.

Quale acqua bere per espellere i calcoli renali?

Senza dubbio, una delle grandi misure di prevenzione per i calcoli renali è quella bere molta acqua, ma qual è l’acqua migliore per espellerli? In questo senso dobbiamo dirti che l’acqua da preferire ha una mineralizzazione molto debole, dunque ha una bassa concentrazione di sali e minerali.

Tutti i tipi di acqua hanno infatti una determinata concentrazione di sedimenti, che conferisce determinate proprietà e un gusto e un odore specifici.

Ebbene, per i calcoli renali conviene preferire quelle con un basso residuo fisso e  dunque acqua minimamente mineralizzata, una alternativa perfetta. In questo modo l’organismo può dissolvere i calcoli molto meglio e facilitare la loro eliminazione tramite l’urina.

Non bisogna dimenticare che l’acqua minerale ha comunque un costo eccessivo rispetto quella del rubinetto. Se vuoi rendere più leggere e idonea alla consumazione l’acqua del rubinetto di casa, anche se vivi in ​​una zona in cui l’acqua è dura e presenta un eccesso di calcio e altri minerali, puoi visionare i depuratore acqua casa prezzi e sceglierne uno in linea con le tue necessità.

Se hai già sofferto di calcoli renali o, a causa di determinati fattori, sei incline a sviluppare questo tipo di disturbo, fai bene a bere abbastanza acqua minimamente mineralizzata, seguire una dieta sana e fare attività fisica. I tuoi reni e la tua salute ti ringrazieranno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *