Lombardia, nel 2021 sale il numero di occupati: +2,8%

Lombardia, nel 2021 sale il numero di occupati: +2,8%

Si tinge di rosa, per fortuna, lo scenario del mercato del lavoro in Lombardia. Nel quarto trimestre 2021 il numero di occupati in Lombardia, secondo le stime Istat, è pari a 4 milioni e 418 mila individui, un numero in crescita su base annua (+120 mila unità, pari al +2,8%) ma ancora inferiore ai livelli del 2019 (-42 mila, pari al -0,9%). Si tratta del terzo incremento trimestrale positivo, che certifica la fase di crescita registrata dall’occupazione lombarda a partire dal secondo trimestre del 2021, dopo un anno di segni negativi dovuti agli effetti della crisi innescata dalla pandemia. I dati Istat sono ancora parziali, ma comunque regalano uno spaccato veritiero di quelle che sono le dinamiche occupazionali. In particolare, dalle analisi si evince che aumenta in particolare modo la componente femminile, con incrementi decisi che riportano i dati ai valori del 2019, e anche i livelli di disoccupazione appaiono finalmente in decrescita. Certo, si tratta di numeri ancora inferiori rispetto a quelli precisi, ma fanno in ogni caso ben sperare per il prossimo futuro.

Cresce la componente femminile

Il tasso di occupazione si attesta al 67,8 (era 68,5 nel quarto trimestre 2019), con la componente femminile che ha già superato i valori pre-crisi, mentre quella maschile risulta ancora inferiore di circa due punti: si riduce quindi il gap di genere, passando da 16,2 a 13,2 punti. Il tasso di disoccupazione scende al 5,4, in calo rispetto ai valori dei due anni precedenti, mentre quello di attività si attesta al 71,7: la partecipazione al mercato del lavoro lombardo si conferma in crescita negli ultimi trimestri, ma con un divario ancora consistente rispetto ai livelli pre-crisi (1,2 punti). Prosegue il processo di riassorbimento della Cassa Integrazione: nel 2021 le ore autorizzate diminuiscono del -41,6%, pur rimanendo su valori storicamente elevati.

Una regione dagli “alti livelli occupazionali”

“La Lombardia si conferma una regione caratterizzata da alti livelli occupazionali, con un tasso superiore alla media nazionale di oltre otto punti” ha dichiarato a commento dei dati  Gian Domenico Auricchio, Presidente di Unioncamere Lombardia “a differenza di quanto accaduto in Italia, però, nella nostra regione non sono ancora stati raggiunti i valori pre-crisi. Ora si tratta di recuperare pienamente la partecipazione al mercato del lavoro supportando imprese e istituti formativi per un incontro efficace tra domanda e offerta di lavoro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.