Quale acqua bere se si è soggetti ai calcoli renali?

I calcoli renali, comunemente noti in ambito medico come “nefrolitiasi”, sono un problema comune anche in Italia. Si stima infatti che ne soffra circa l’11% della popolazione e, secondo vari studi, la cifra raddoppierà nei prossimi 20 anni.

La ragione? Conduciamo uno stile di vita troppo sedentario, seguiamo una dieta povera e soprattutto non beviamo abbastanza acqua. In questo caso, per prevenire è conveniente capire in anticipo cosa si può fare per evitarli e per questo di seguito ti offriamo i nostri consigli per aiutarti a raggiungere tale obiettivo, dicendoti tutto ciò che è necessario sapere in proposito.

Suggerimenti per evitare i calcoli renali

Come sai, i reni hanno il compito di eliminare scorie e liquidi dal tuo corpo trasformandoli in urina. Ebbene, a volte, se ci sono troppe scorie (sali e minerali concentrati che cristallizzano) e non ci sono liquidi a sufficienza, si possono formare proprio i calcoli renali.

La verità è che, sebbene in molti casi questi si dissolvano senza causare alcun disagio, in altri non ciò non avviene, causando molto dolore durante la minzione, dolore intenso alla schiena o al basso addome e provocando sanguinamento nelle urine.

Per evitare la loro formazione, dovresti ricordare di fare spesso esercizio fisico, ridurre l’assunzione di sale, bere abbastanza acqua ogni giorno e seguire una dieta sana, ricca di frutta e verdura.

Bere tra i 2 ed i 2,5 litri di acqua al giorno è un ottimo modo per ridurre le possibilità di calcoli renali. Riduci inoltre le quantità di caffè, thè o altre bevande analcoliche energizzanti. Pensa che, senza rendertene conto, puoi perdere liquidi e, quindi, disidratarti più velocemente. Riduci inoltre l’assunzione di sale , poiché il suo abuso può dare il via alla formazione dei calcoli renali.

Per darti un’idea, la dose giornaliera consigliata non deve superare i 2 grammi e, anche se non lo vedi nel piatto, ricorda che il sodio è spesso presente negli alimenti trasformati, nei cibi in scatola o nei cibi precotti.

Prova invece ad aumentare il consumo di pesce grasso come salmone, sgombro o trota, che sono anche molto indicati per la salute del cuore. Abbonda con frutta , soprattutto agrumi e verdura, riducendo l’assunzione di proteine ​​animali.

Fare esercizio  è poi qualcosa di molto positivo non solo per rimanere attivi e in salute, ma anche per far sì che i reni migliorino la circolazione e prevengano la formazione di calcoli.

Quale acqua bere per espellere i calcoli renali?

Senza dubbio, una delle grandi misure di prevenzione per i calcoli renali è quella bere molta acqua, ma qual è l’acqua migliore per espellerli? In questo senso dobbiamo dirti che l’acqua da preferire ha una mineralizzazione molto debole, dunque ha una bassa concentrazione di sali e minerali.

Tutti i tipi di acqua hanno infatti una determinata concentrazione di sedimenti, che conferisce determinate proprietà e un gusto e un odore specifici.

Ebbene, per i calcoli renali conviene preferire quelle con un basso residuo fisso e  dunque acqua minimamente mineralizzata, una alternativa perfetta. In questo modo l’organismo può dissolvere i calcoli molto meglio e facilitare la loro eliminazione tramite l’urina.

Non bisogna dimenticare che l’acqua minerale ha comunque un costo eccessivo rispetto quella del rubinetto. Se vuoi rendere più leggere e idonea alla consumazione l’acqua del rubinetto di casa, anche se vivi in ​​una zona in cui l’acqua è dura e presenta un eccesso di calcio e altri minerali, puoi visionare i depuratore acqua casa prezzi e sceglierne uno in linea con le tue necessità.

Se hai già sofferto di calcoli renali o, a causa di determinati fattori, sei incline a sviluppare questo tipo di disturbo, fai bene a bere abbastanza acqua minimamente mineralizzata, seguire una dieta sana e fare attività fisica. I tuoi reni e la tua salute ti ringrazieranno.

Motocompressori: quali vantaggi nell’utilizzarli?

Le esigenze di cantiere comportano spesso la necessità di usufruire di determinate apparecchiature che consentono di risolvere necessità specifiche dovute alla natura del luogo in cui si opera o alle particolari caratteristiche della costruzione oggetto del cantiere.

Disporre dell’attrezzatura corretta consente infatti di lavorare meglio e più rapidamente, ottimizzando le risorse a disposizione e riuscendo a rispettare la tabella di marcia prevista consegnando dunque in tempo i lavori.

Il classico esempio di strumento indispensabile in determinate occasioni, in grado di far risparmiare tempo e aumentare la qualità del lavoro svolto, è il motocompressore. Si tratta di un dispositivo che diventa prezioso quando ad esempio si va ad operare in una zona in cui non è ancora presente l’energia elettrica o per qualche motivo non è possibile farne utilizzo.

In questo caso il motocompressore diventa prezioso perché vi si può tranquillamente collegare altre attrezzature indispensabili per il lavoro di cantiere come ad esempio una sabbiatrice, un martello pneumatico o un martello perforatore, giusto per citare alcuni esempi, sebbene l’attrezzatura può funzionare in assenza di energia elettrica grazie ad un motocompressore sia veramente vasta.

Come funzionano i motocompressori?

I motocompressori hanno la capacità di tramutare l’energia meccanica che il motore produce in energia di pressione. In particolar modo all’interno di questa attrezzatura l’aria viene ridotta di volume (quindi viene appunto compressa) mediante il compressore stesso o una apposita pompa.

L’aria viene a questo punto stivata all’interno del serbatoio, il quale è capace di resistere all’alta pressione, ma può anche essere adoperata in presa diretta.

Come possono essere sfruttati in cantiere?

La loro capacità di rilasciare energia (sotto forma di aria compressa) anche in assenza di energia elettrica li rende particolarmente utili in cantieri edili di ogni tipo: da quelli relativi all’edilizia civile ai cantieri stradali, nonché tutte le attività di restauro e artigianato che possono necessitare di una soluzione di questo tipo.

Certamente l’ambito per il quale i motocompressori offrono il massimo è quello cantieristico, grazie alla loro capacità di supportare trivelle, sonde, attrezzature di scavo in genere e ogni altro tipo di dispositivo che consente di portare efficacemente a termine le attività di cantiere.

Quali lavoro si possono eseguire con un motocompressore?

Le modalità di applicazione di un motocompressore sono particolarmente vaste, ed è possibile dunque pensare che sia possibile sfruttare questo strumento in una moltitudine di utilizzi differenti in base alle esigenze di cantiere o alle necessità del momento.

È possibile sfruttare un motocompressore ad esempio per lavori di perforazione, sabbiatura, giusto per citare alcuni esempi. Chiaramente grazie a compressori industriali è sempre possibile andare a lavorare con utensili pneumatici di ogni tipo, da adoperare in ogni tipo di occasione.

I modelli più moderni consentono inoltre di ottenere un ottimo risparmio sui consumi di carburante, il che consente anche di mantenere bassi i costi di gestione che poi inevitabilmente finiscono con l’incidere sui costi complessivi delle operazioni di cantiere.

Motocompressori portatili: quando diventano indispensabili?

I motocompressori portatili diventano imprescindibili, oltre che estremamente comodi, in tutti quei lavori di piccola entità o comunque non impegnativi. È infatti possibile spostarli facilmente e collocarli esattamente dove servono, dunque possono facilmente raggiungere l’area in cui si trova il punto esatto in cui il lavoro deve essere svolto.

Da notare il grande vantaggio, grazie ai moto compressori, di non aver più bisogno di lunghi tubi per terra dediti al trasporto dell’aria, come avveniva quando i motocompressori non erano ancora arrivati sul mercato, il che in alcuni casi poteva anche rappresentare un problema per la sicurezza degli operai i quali potevano distrattamente inciampare e rischiare di cadere.

Che cos’è una visita senologica?

Una visita senologica può rilevare un nodulo al seno e altri cambiamenti che potrebbero richiedere ulteriori test di approfondimento, utili a rivelare con grande anticipo l’insorgere di eventuali problematiche che approfondiremo di seguito. L’esame del seno infatti è una delle valutazioni mediche più importanti per la diagnosi ed il controllo del cancro al seno (che è un tipo di cancro oggi non raro, purtroppo).

Perché è importante fare periodicamente una visita senologica?

Effettuare periodicamente una visita senologica aumenta le possibilità di individuare precocemente il cancro al seno. E prima esso viene rilevato, più è facile da trattare.

Il medico o lo specialista possono determinare se il tuo seno abbia un aspetto normale e se appare sano al tatto o meno. Durante un esame del seno, il medico va a toccare il seno alla ricerca di noduli e altri problemi, e può raccomandare di effettuare altri test se pensa possa esserci qualcosa fuori dall’ordinario che necessita di approfondimenti.

Quando devo fare un esame del seno?

La maggior parte delle donne dovrebbe sottoporsi a un esame del seno ogni 1-3 anni quando hanno un’età compresa tra i 25 e i 39 anni. Dopo aver compiuto 40 anni, dovrebbero sostenere questo tipo di esame ogni anno. In generale, questo tipo di esame fa parte delle visite ginecologiche .

Rivolgiti senza indugi ad uno specialista, o nell’immediato al tuo medico di base, se hai dei disturbi o dolori al seno o se qualcuno nella tua famiglia ha avuto un cancro di questo tipo. Potresti aver bisogno di screening medici più frequenti in questo caso giusto per essere sicuri.

Come avviene una visita senologica?

Durante la visita senologica, il medico controlla il seno per eventuali segni nella mammella che possano far pensare a questo o altri problemi. Durante la visita lo specialista parlerà con te anche dei rischi del cancro al seno e di cosa puoi fare per prevenirlo, dunque sarà una buona occasione per saperne di più e capire quali comportamenti, quelli alimentari ma non solo, possono aiutarti nella prevenzione.

Durante la visita i tuoi vestiti vanno tolti dalla vita in su, compreso il reggiseno. Il medico o l’infermiera guarderanno entrambi i seni per vedere la forma, le dimensioni e la consistenza della pelle. Ti toccherà il seno con la punta delle dita per vedere se ci sono grumi o qualcosa che appare essere non normale. Inizierà con un seno e poi passerà all’altro. Controllerà anche i capezzoli e le ascelle.

Devo fare l’autopalpazione del seno?

In passato, gli esperti raccomandavano di eseguire l’autopalpazione del seno una volta al mese. Una autopalpazione era un modo specifico di toccarsi il  seno per andare alla ricerca di eventuali noduli. Ma, in base alle nuove linee guida sull’argomento, l’autopalpazione del seno potrebbe non essere così utile o efficace, quindi da sola non è sufficiente.

Ad ogni modo è sempre un qualcosa in più, quindi se lo fai già puoi continuare di tanto in tanto a guardare il tuo seno e toccarlo alla ricerca di piccoli noduli. La chiave è riuscire a comprendere cosa è normale e cosa no, in modo da notare eventuali cambiamenti nell’aspetto o nella consistenza del seno.

Cosa succede se trovo un nodulo?

Se scopri un nodulo o un altro cambiamento nel tuo seno, parlane con il medico o il tuo specialista di fiducia il prima possibile. Chiaramente ciò non significa necessariamente che hai una patologia grave. Esistono molte altre condizioni, come cisti o infezioni, che possono causare noduli o altri cambiamenti. Ad ogni modo è molto importante che tu faccia un check-up per ogni evenienza.

La cassetta condominiale porta pubblicità

Tutti noi amiamo ricevere della corrispondenza e per questo prestiamo attenzione alla cassetta della posta ogni qualvolta rientriamo a casa. Ci sono però delle cose che non a tutti fa piacere ricevere come ad esempio i depliant pubblicitari ed i volantini dei vari supermercati di zona o grandi negozi, i quali reclamizzano le offerte che di settimana in settimana hanno pensato per i propri clienti.

Una pratica pubblicitaria alquanto fastidiosa

Si tratta spesso di un fastidio per gli utenti perché questi depliant vanno ad occupare per intero o quasi lo spazio disponibile all’interno della cassetta, andando a comprimere tutto quello che già si trova eventualmente al suo interno, anche una semplice lettera o piccolo pacchetto, o impedendo che possano essere inserite nuove buste o corrispondenza.

Per questo motivo tante persone percepiscono tale pubblicità come fastidiosa e non sanno come poter interrompere questa pratica da parte di coloro i quali reclamizzano i propri prodotti o servizi. Altri invece vedono di buon occhio la possibilità di ricevere questo tipo di corrispondenza, così da poter valutare in dettaglio dove andare a fare i propri acquisti e dunque riuscire a risparmiare.

 L’obiettivo, sia che si tratti di un condominio che di una residenza privata o altro tipo di edificio, è quello di fare in modo che tutti possano usufruire di tale servizio di volantinaggio senza per questo andare a percepirlo come un problema o un fastidio quotidiano.

La cassetta pubblicitaria condominiale

In questi casi, una cassetta condominiale porta pubblicità rappresenta la soluzione più efficace e congeniale per risolvere il problema. Essa è infatti abbastanza ampia da poter contenere diverse decine di depliant pubblicitari, che vanno dunque ad accumularsi tutti all’interno di un’unica cassetta in maniera tale da lasciare libere quelle di proprietà di ciascun condomino.

In questa maniera ogni abitante del condominio interessato ad una pubblicità in particolare potrà andare a recuperare il depliant di proprio interesse senza che per questo la propria buca delle lettere debba traboccare.

Parliamo di ottime cassette postali condominiali realizzate in acciaio inox antigraffio, le quali sono particolarmente robuste e destinate a durare nel tempo. Possono essere installate a parete, ad esempio accanto alla bacheca con le singole caselle postali dei vari condomini, oppure ancorate ad una recinzione esterna o cancello per mezzo di semplici staffe e supporti.

Le qualità antigraffio fanno sì che questo comodo tipo di cassetta porta pubblicità possa facilmente essere adoperata anche in zone esterne al condominio e dunque accessibili a tutti.

Chiaramente, così come avviene per le cassette postali tradizionali, tutti i depliant e la corrispondenza che vengono inseriti al loro interno saranno protetti dalle intemperie e dagli agenti atmosferici in genere, così da poterli sempre trovare perfettamente integri quando si desidera raccoglierne qualcuno.

Anche la struttura stessa è destinata a durare nel tempo grazie agli elevati standard di qualità produttivi che caratterizzano questi elementi ed in particolar modo per quel che riguarda la lucidatura, la satinatura e la verniciatura, che consentono di ottenere un prodotto estremamente affidabile e che non può essere danneggiato dall’azione degli agenti atmosferici oppure della salsedine.

Una soluzione comoda ed efficace

Grazie ad un porta pubblicità condominiale è dunque possibile riuscire a gestire in maniera più efficace e semplice il problema della pubblicità cartacea all’interno della cassetta della posta. È la soluzione perfetta soprattutto per quanti ritengono questa tipologia di pubblicità una pratica particolarmente aggressiva e fastidiosa: In questa maniera, la casella di posta personale sarà libera da ogni tipo di l’ingombro e sarà sempre possibile decidere di prendere uno di questi volantini nel caso in cui si dovesse notare qualcosa di proprio interesse.

I sistemi antieffrazione più sicuri

Certamente, la paura che i ladri possano entrare in casa e sottrarre beni preziosi e gli oggetti cui siamo affezionati è una delle paure ricorrenti che abbiamo tutti noi. Questa paura si acuisce nel momento in cui andiamo in vacanza e dunque non siamo fisicamente presenti in casa per qualche giorno o qualche settimana. Non di rado inoltre, i quotidiani riportano notizie di effrazioni avvenute anche ai piani alti, i cosiddetti ladri acrobati che riescono ad arrampicarsi sulla facciata esterna dell’edificio e accedere dalle finestre.

Le inferriate di sicurezza

Dunque oggi nessuno può dirsi veramente al sicuro dai ladri, soprattutto se al momento non si è ancora adottato un sistema di sicurezza che consenta di rendere molto più complicato l’accesso in casa, sia per quel che riguarda le finestre che la porta di ingresso.

A tal proposito le inferriate di sicurezza rappresentano una barriera assolutamente solida e difficile da superare, la quale costituisce un ottimo deterrente in quanto qualsiasi malintenzionato è automaticamente indotto a rivolgere le sue attenzioni ad un altro appartamento non fornito di tale soluzione, che certamente richiederà meno tempo dal punto di vista dei tentativi di apertura.

Una soluzione che garantisce serenità

Ecco il motivo per il quale oggi sempre più persone vedono con interesse la possibilità di fare installare delle inferriate di sicurezza che siano in grado di garantire protezione totale al proprio appartamento, ma soprattutto fornire maggiore serenità a tutti i componenti della famiglia i quali sanno così di vivere in un luogo inaccessibile per i malintenzionati, in cui anche gli oggetti più preziosi ed i beni che hanno un grande valore affettivo sono al sicuro.

Ricordiamo infatti che ad oggi, le inferriate di sicurezza rappresentano il sistema di protezione più sicuro ed inattaccabile, dunque quello in grado di garantire maggiore serenità e la certezza che i propri beni e le persone care possano ritenersi veramente al sicuro da qualsiasi tipo di malintenzionato e da qualsiasi tentativo di effrazione.