Condizionatori: grazie al bonus 2022 è boom di richieste

Condizionatori: grazie al bonus 2022 è boom di richieste

Nel 2022 aumentano del 34% gli italiani che hanno richiesto un servizio legato all’aria condizionata. Anche quest’anno infatti gli italiani non rinunciano al fresco casalingo, ed è boom di richieste per i condizionatori.
Secondo i dati registrati sul portale ProntoPro, il servizio Installazione Aria Condizionata nel 2021 era al primo posto tra i più richiesti, e lo è anche quest’anno. Tra i fattori che hanno favorito questo dato c’è sicuramente il bonus statale. Per incoraggiare le scelte di acquisto green viene confermato anche nel 2022 l’incentivo sui condizionatori, che consente di ottenere una detrazione fiscale dal 50% al 65% sull’acquisto di un climatizzatore a basso consumo o con pompa di calore, oppure di far rientrare la spesa nel Superbonus 110%.

Conviene sostituire un vecchio modello con uno in classe superiore alla A

Il consiglio degli esperti è comunque quello di fare un uso virtuoso e consapevole del condizionatore, senza sprechi energetici. Come sottolinea anche Enea, a livello energetico conviene sempre sostituire un vecchio condizionatore in classe D con un modello in classe superiore alla A. In questo modo, si può risparmiare circa il 60% di energia a seconda dei modelli, proprio perché riducono il consumo di CO2 e consumano meno.
Nonostante le avvisaglie a livello climatico o i rincari energetici, il 63,2% delle richieste sul portale ProntoPro sono legate all’installazione di un nuovo condizionatore, il 34,3% alla sostituzione di un vecchio modello con uno nuovo e solo il 2,5% lo spostamento del dispositivo in un altro luogo dell’abitazione.

Sicilia, Puglia, Campania le più ‘climatizzate’

Sembra quindi che ormai l’aria condizionata sia diventata uno dei servizi imprescindibili in questa stagione, con preferenze assolute per i condizionatori a muro (85,5%). Il 64,9% degli italiani ha inoltre scelto climatizzatori che rifrescheranno prevalentemente appartamenti su un unico piano. Se invece si valuta la differenza a livello regionale tra le richieste di condizionatori nel 2021 e nel 2022, ad aver aumentato le percentuali sono le regioni che l’anno scorso hanno registrato le temperature più alte d’Italia. In testa c’è la Sicilia, con +146% di richieste rispetto allo scorso anno e il 6,70% delle richieste totali tra marzo e maggio 2022, seguita dalla Puglia (+132%, il 6,02% totale), la Campania (+112%, il 7,11% delle richieste totali), e la Sardegna (+104%, il 5,21% del totale).

Ma in vetta alla classifica per la domanda c’è la Lombardia

Nel secondo trimestre 2022 in vetta alla classifica per la domanda, riporta Adnkronos, c’è però la Lombardia, con il 21,56% delle richieste sul totale e un incremento rispetto all’anno precedente del +6%. Seconda in classifica il Lazio (11,33% e +9% dal 2021), e terza l’Emilia-Romagna, che rappresenta il 10,33% di domanda, ma segna +18% rispetto all’anno scorso. In Veneto, nonostante il dato sia pari all’8,46%, in realtà rappresenta un +61% rispetto al 2021.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.