“Vola” il comparto dell’arredamento Made in Italy, anche grazie al digitale

“Vola” il comparto dell’arredamento Made in Italy, anche grazie al digitale

Crescita a doppia cifra per il Macrosistema arredamento nel 2021 e trend positivo nel primo trimestre 2022, per un valore complessivo di fatturato pari a oltre 26 miliardi di euro. Nel 2021 l’export segna un’impennata del +28,7% mentre l’Italia conferma la propensione allo shopping online segnando un incremento del commercio digitale del 15%. Sono solo alcuni dei numeri, tutti i positivo, del comparto dell’arredamento Made in Italy, emersi in coccadione del Salone del mobile di Milano. A fare il punto è Calicantus, Merchant of Records di primarie aziende del design italiano.

L’importanza del mezzo digitale

In questo scenario, nel terzo trimestre del 2021 il commercio digitale globale è cresciuto dell’11% rispetto allo stesso periodo del 2020. L’Italia conferma la propensione allo shopping online segnando un incremento del mercato digitale del 15% e sfiorando i 21 mld tra online e distribuzione tradizionale . Arredamento e home living, oggettistica e decorazioni, accessori, tessile e illuminazione sono i settori trainanti nelle vendite eCommerce: nel 2020 il valore dell’acquistato online da parte degli italiani ha raggiunto 2,7 mld di euro, in crescita del +32% rispetto al 2019, nel 2021 è arrivato a 3,3 miliardi.

Una strategia omnicanale

Con un nuovo approccio al mercato e una narrazione inedita, si assiste alla sperimentazione di strategie digitali da parte delle aziende del settore che cercano nuovi punti di contatto e modalità di vendita (social network, eventi live in streaming, e-commerce). I Brand sono diventati mondi nei quali le persone si vogliono riconoscere e l’integrazione della comunicazione tra il mondo fisico e la dimensione digitale è ora la priorità, in un contesto in cui il consumatore è sempre iperconnesso e al contempo esige quel human touch esperto per compiere la scelta d’acquisto.
Proprio per questo il phygital è un argomento di largo dibattito tra i produttori del Made in Italy che grazie a importanti investimenti in innovazione e formazione stanno cercando soluzioni per far accostare al modello tradizionale, un nuovo modo di comunicare, progettare e vendere.

Nuovi canali di vendita
“Il mondo del digitale rappresenta per i Brand del Design una grande opportunità di sviluppo per poter sperimentare nuovi canali di vendita e puntare all’internazionalizzazione, ma soprattutto per attirare ulteriori potenziali clienti e creare esperienze personalizzate – sostiene Valentino Bergamo, CEO di Calicantus srl – le sinergie con i partner della distribuzione possono portare alla creazione di strumenti inediti, come piattaforme che favoriscono un interscambio tra utenti e professionisti, esperienze interattive instore o esperienze virtuali immersive per condurre il cliente nell’esperienza del Brand, mostrando il prodotto in altissima qualità”. Per aumentare la competitività e rispondere in tempi brevi alle nuove esigenze dei consumatori, che ricercano esperienze personalizzate e prodotti esclusivi da poter acquistare ovunque nel mondo, è necessario quindi definire strategie integrate di brand awareness, per costruire un dialogo con l’utente, definire percorsi e processi d’acquisto attraverso un approccio omnicanale e migliorare la customer experience.

Gli italiani e il gelato confezionato: il 94% lo consuma regolarmente 

Gli italiani e il gelato confezionato: il 94% lo consuma regolarmente 

Una passione che si rinnova ogni estate: gustare un gelato, meglio se un cono, meglio ancora se confezionato. E con l’estate che sta arrivando, il 94% degli italiani dichiara di consumarlo regolarmente, in tutti i formati disponibili. Una conferma, questa, della ricerca condotta da Doxa insieme a Froneri Italia, joint venture tra la multinazionale inglese specializzata nella produzione di gelati R&R e la divisione gelati Nestlé. Secondo l’indagine, che ha coinvolto consumatori di età compresa tra i 18 e i 74 anni provenienti dal Nord al Sud della penisola, il legame con la stagione estiva, pur rimanendo molto forte, nel corso del tempo sta assumendo però una connotazione più dinamica. Gli ice-cream lovers infatti amano il gelato tutto l’anno, non solo tra la primavera e l’estate (43%), ma anche durante i mesi più freddi (31%).

Cono batte vaschette, stecco e biscotto

A farla da padrone, è il cono, icona gastronomica tra le più conosciute ed esportate al mondo. È infatti il cono a conquistare il maggior numero di preferenze tra i consumatori italiani di gelato (53%).
Inventato dall’italiano Italo Marchioni nel 1903, e poi brevettato negli Stati Uniti, nel corso dei secoli il cono è entrato nel cuore degli italiani. Il cono, insomma, mette tutti d’accordo, battendo le vaschette (37%), lo stecco (36%) e il biscotto (33%).

Tradizionale, ma anche innovativo

Il gelato della tradizione e i sapori dell’infanzia continua a conquistare i consumatori (37%) che sempre più spesso si aspettano, però, un’offerta che si rinnovi a ogni stagione, con combinazioni di gusti sempre nuove (36%). Gli italiani quindi mostrano una propensione crescente per la sperimentazione, e vorrebbero farsi stupire da un prodotto mai provato prima. Ad esempio, dalle caratteristiche inaspettate, come la croccantezza (69%), e che possa garantire un’esperienza multisensoriale durante l’assaggio (27%). Ma per il 41% dei consumatori italiani il gelato confezionato ideale deve essere non solo goloso, ma anche accattivante nell’aspetto, così da poter rappresentare al meglio quella coccola da concedersi per spezzare la monotonia del quotidiano.

Un simbolo di svago e convivialità

Il gelato confezionato si conferma allora come il peccato di gola per eccellenza, e al contempo caratterizza positivamente i momenti di condivisione. Quali? Principalmente la merenda del pomeriggio (48%), ma tra gli intervistati c’è anche chi preferisce mangiarlo come dessert a fine cena (31%), o più raramente, come sostituto di un pasto (18%). Nell’immaginario collettivo il gelato resta il simbolo per eccellenza dello svago nel tempo libero e della convivialità. E dopo due anni segnati da distanziamenti interpersonali e limitazioni causate dalla pandemia, per condividere un momento di pausa e spensieratezza si preferisce consumare un buon gelato in compagnia della famiglia (43%), oppure con il proprio partner (20%). Ma non solo: c’è comunque chi desidera goderselo in un momento di relax individuale (22%).

Industria lombarda: l’analisi congiunturale al primo trimestre 2022

Industria lombarda: l’analisi congiunturale al primo trimestre 2022

I dati congiunturali dell’industria relativa al primo trimestre 2022 sono positivi. Come emerge dalle elaborazioni del Servizio Studi della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi, per Milano il quadro delineato nel primo trimestre 2022 evidenzia un aumento congiunturale della produzione industriale e del fatturato (+1,7% e +4,3% destagionalizzato) rispetto al quarto trimestre 2021. La crescita del fatturato lombardo è invece del +1,7% destagionalizzato. Anche per gli ordini interni la progressione congiunturale è ancora più marcata per l’industria milanese rispetto alla manifattura lombarda (rispettivamente +3,9% e +2,7% destagionalizzato). Allo stesso modo, gli ordini esteri, per cui la performance milanese risulta migliore: +5,9% e +4% destagionalizzato.

Fatturato, a Milano e in Lombardia +19,1%

Quanto all’analisi tendenziale, il primo trimestre 2022 ha consentito all’area metropolitana milanese di crescere del 9,6% in un anno per la produzione, meno del dato lombardo (+10,7%). Se si considera la crescita netta del fatturato, sempre raffrontata al primo trimestre 2021, l’aumento è del 19,1%, sia a livello regionale sia locale. In relazione al portafoglio ordini, si registra un livello superiore a quello relativo al primo trimestre 2021 (+19,1% in un anno), con performance migliore rispetto alla manifattura lombarda (+16,8%). I mercati interni milanesi hanno ripreso la crescita in modo più incisivo (+19,4%) rispetto alla componente estera (+18,5%).

Monza e Brianza, produzione +2,7% e fatturato +1,2%

Prosegue la crescita congiunturale per Monza e Brianza: il primo trimestre 2022 fa registrare un aumento rispetto al quarto trimestre 2021 sia della produzione industriale (+2,7% destagionalizzato), sia del fatturato (+1,2% destagionalizzato), così come le commesse acquisite dai mercati interni (+3,4% destagionalizzato) ed esteri (+1,1%). La crescita tendenziale della capacità produttiva colloca i volumi prodotti a un livello superiore rispetto al primo trimestre 2021 (+13,3%), e al dato lombardo (+10,7%). Nello stesso periodo, i dati della manifattura brianzola per fatturato (+18,1%) sono inferiori al dato lombardo (+19,1%). Sempre rispetto al primo trimestre 2021, il portafoglio ordini del manifatturiero brianzolo evidenzia un incremento reale inferiore a quanto registrato in Lombardia (rispettivamente +15,1% e +16,8%).

Lodi, in un anno ordini +9,5%

Nel primo trimestre 2022 prosegue anche per Lodi la crescita congiunturale. Soprattutto grazie a un aumento rispetto al quarto trimestre 2021 della produzione industriale (+0,5% destagionalizzato), accompagnato dalla crescita del fatturato (+1,9% destagionalizzato) e dalle commesse acquisite dai mercati interni (+1,5% destagionalizzato). Gli ordini esteri risultano però in calo del -1,5%. Nel primo trimestre 2022 rispetto all’anno precedente, si verifica un trend di crescita per produzione, fatturato e ordini. Relativamente all’analisi tendenziale, raffrontata al primo trimestre 2021, la crescita della produzione si attesta a +6,4%, performance peggiore rispetto al dato lombardo (+10,7%).
In relazione al fatturato, nel confronto con il primo trimestre 2021, il recupero si attesta a +13,8%, inferiore al dato regionale. E in un anno gli ordini crescono del 9,5%, rispetto al 16,8% lombardo.

Consulenti lavoro: nel 2021 crescono gli infortuni in itinere

Consulenti lavoro: nel 2021 crescono gli infortuni in itinere

L’effetto rientro in presenza nei luoghi di lavoro, con tutti gli aspetti positivi che comporta – a cominciare dalla conferma che l’emergenza sanitaria si allontana – ha avuto anche dei risvolti negativi, in particolare per quanto riguarda il numero degli incidenti in itinere. A dirlo è il dossier della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro dal titolo “Salute e sicurezza sul lavoro dopo l’emergenza Covid” che, oltre ad attingere ai dati dell’indagine interna realizzata tra il 6 e il 12 aprile 2022, si avvale anche dei dati Inail 2019-2021. 

Aziende e lavoratori più sensibili alla sicurezza

Questo passaggio – la ripresa delle attività in presenza – ha comportato una crescita, tra 2020 e 2021, degli infortuni in itinere (+29,2%) per un incremento complessivo di oltre 18mila casi. Secondo la ricerca, il settore che ha visto crescere in modo esponenziale sia il numero di infortuni (+17,1% tra 2020 e 2021) che i casi mortali (11,4%) è quello edile, comparto che ha registrato, grazie agli incentivi, un boom occupazionale senza precedenti nel 2021, con 111mila occupati in più rispetto al 2019. Il ritorno in presenza ha prodotto, rispetto al 2020, la crescita non solo degli incidenti in itinere, ma anche delle morti correlate (15,9%). Le denunce di casi mortali sono, infatti, passate da 1.089 del 2019 a 1.221 del 2021, per un incremento di 132 casi, evento riconducibile al maggiore rischio di mortalità associato all’infortunio da Covid. La pandemia ha, dunque, lasciato segni importanti, non solo sotto il profilo delle trasformazioni dettate dallo smart working, ma, più in generale, ha fatto maturare una sensibilità diversa da parte delle aziende e dei lavoratori verso il tema della sicurezza e della salute dei lavoratori. Non meno importanti, secondo l’indagine condotta sui Consulenti del Lavoro, i cambiamenti legati all’orientamento e all’approccio anche in termini di comunicazione. Cresce per il 46,1% l’orientamento verso la prevenzione e, complessivamente, il livello di sicurezza nei luoghi di lavoro: dato più alto rispetto a due anni fa secondo il 46,9%. A fronte di tale cambiamento “culturale”, si evidenzia una maggiore difficoltà a tradurlo in misure operative: solo il 37,6% dei Consulenti segnala un miglioramento delle iniziative formative a favore dei dipendenti. 

“La cultura della sicurezza”

“La sicurezza dei luoghi di lavoro è un tema centrale per i Consulenti del Lavoro – afferma Rosario De Luca, presidente della Fondazione Studi -. I seminari che realizziamo con la Scuola di Alta Formazione coinvolgono molte migliaia di nostri iscritti. Sono oltre 10 milioni le imprese, i lavoratori autonomi e subordinati assistiti. E la cultura della sicurezza si crea diffondendo e ampliando la conoscenza delle norme e delle regole, anche se sarebbe importante semplificare alcuni adempimenti previsti anche per le piccole e micro aziende”.

Cybersecurity: serve equilibrio tra sicurezza e produzione 

Cybersecurity: serve equilibrio tra sicurezza e produzione 

L’implementazione di soluzioni di sicurezza in un ambiente tecnologico operativo impone alle organizzazioni di trovare un equilibrio tra sicurezza e continuità della produzione. Diversamente, i tempi di inattività non pianificati causati da interruzioni della produzione possono costare alle aziende fino a 260.000 dollari all’ora. Secondo quanto emerso dal nuovo report Kaspersky ICS Security Survey 2022: The seven keys to improving OT security outcomes, il 40% delle organizzazioni industriali europee tende a disabilitare la soluzione di cybersecurity se influisce sui processi produttivi o sui sistemi di automazione. Complessivamente, il 39% incontra occasionalmente questi problemi, mentre il 42% dichiara di averli affrontati almeno una volta. La motivazione può essere ricercata nei conflitti di compatibilità. 

Colpa delle tecnologie operative

Trovare un equilibrio tra sicurezza e continuità della produzione può portare alcune aziende a disattivare i meccanismi di protezione. La maggior parte delle aziende europee (71%) preferisce cambiare i propri sistemi di produzione e automazione per evitare il conflitto, mentre il 60% preferirebbe intervenire sulle impostazioni di sicurezza informatica. Un altro 49% attribuisce la responsabilità al vendor o al provider di sicurezza, e preferisce cambiare fornitore per mantenere inalterati i propri processi produttivi. Una possibile spiegazione ai problemi di compatibilità delle aziende risiede nel fatto che le loro tecnologie operative (OT) o i sistemi di controllo industriale (ICS) sono obsoleti e non possono essere aggiornati.

“Siamo vincolati a piattaforme obsolete vulnerabili”

Secondo un’azienda manifatturiera che opera nel settore high-tech in Nord America “Il problema principale che abbiamo con OT e ICS è che i nostri dispositivi non possono essere ulteriormente aggiornati. I produttori non forniscono alcun tipo di aggiornamento ai nostri sistemi attuali. Siamo vincolati a piattaforme obsolete vulnerabili”. Infatti, secondo gli intervistati, per un’organizzazione industriale è impossibile aggiornare in media circa un endpoint su sei (17%) nella propria rete OT.
“In passato, i proprietari degli asset ritenevano che i sistemi di protezione e automazione alla base dei processi di core business di un’organizzazione industriale sarebbero rimasti immutati per decenni, per l’intero ciclo di vita delle macchine, con la sola eccezione di occasionali modifiche alle impostazioni”, spiega Kirill Naboyshchikov, Business Development Manager di Kaspersky Industrial CyberSecurity.

Dotare i sistemi di strumenti e processi di sicurezza

“La prassi comune era quella di avviare i sistemi in blocco, eseguire un retesting completo e una nuova messa in funzione nel caso di modifiche – continua Naboyshchikov -. Tuttavia, l’introduzione dei sistemi di automazione digitale di nuova generazione, ha fatto sì che in molti casi ciò non fosse più possibile. Pertanto, sia i sistemi di automazione generici sia quelli ultra-specializzati basati su computer, dovrebbero essere dotati dei seguenti sottosistemi e strumenti e processi di sicurezza: un sistema di protezione approvato dal vendor, olistico e gestito a livello centrale, monitoraggio permanente della vulnerabilità e scansione della conformità, rilevamento delle intrusioni e delle anomalie di rete, aggiornamento, gestione delle patch e controllo delle versioni”.

Prezzi al consumo: a marzo 2022 +6,7%

Prezzi al consumo: a marzo 2022 +6,7%

Nel mese di marzo 2022 l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, registra un aumento dell’1,2% su base mensile e del 6,7% su base annua, rispetto al +5,7% del mese di febbraio. Secondo le stime preliminari dell’Istat, l’accelerazione dell’inflazione su base tendenziale è dovuta anche nel mese di marzo prevalentemente ai prezzi dei Beni energetici, la cui crescita passa da +45,9% di febbraio a +52,9%, in particolare a quelli della componente non regolamentata, che passano da +31,3% a +38,7%, e in misura minore, ai prezzi dei Beni alimentari, sia lavorati (da +3,1% a +4,0%) sia non lavorati (da +6,9% a +8,0%), e a quelli dei Beni durevoli (da +1,2% a +1,9%).

Si allarga il differenziale inflazionistico negativo tra beni e servizi

Anche a marzo secondo l’Istat i prezzi dei Beni energetici regolamentati continuano a essere quasi doppi di quelli registrati nello stesso mese dello scorso anno (+94,6%, come a febbraio). I Servizi relativi ai trasporti, invece, registrano un rallentamento, passando da +1,4% a +1,0%.
L’inflazione di fondo, al netto degli energetici e degli alimentari freschi, sempre a marzo accelera da +1,7% a +2,0%, e quella al netto dei soli beni energetici da +2,1% a +2,5%. Su base annua accelerano in misura ampia i prezzi dei beni (da +8,6% a +10,2%), mentre quelli dei servizi rimangono stabili (+1,8%). Si allarga quindi il differenziale inflazionistico negativo tra questi ultimi e i prezzi dei beni (da -6,8 punti percentuali di febbraio a -8,4).

I prezzi dei Beni energetici non regolamentati fanno scattare l’indice

In particolare, accelerano sia i prezzi dei Beni alimentari, per la cura della casa e della persona (da +4,1% a +5,0%) sia quelli dei prodotti ad alta frequenza d’acquisto (da +5,3% a +6,9%). L’aumento congiunturale dell’indice generale è dovuto, per lo più, ai prezzi dei Beni energetici non regolamentati (+8,9%) e in misura minore dei Beni alimentari lavorati (+1,0%), dei Servizi relativi ai trasporti (+0,9%), dei Beni durevoli (+0,7%) e degli Alimentari non lavorati (+0,6%).

IPCA, +2,6% congiunturale e +7,0% su base annua

L’inflazione acquisita per il 2022 è pari a +5,3% per l’indice generale e a +1,6% per la componente di fondo. Secondo le stime preliminari dell’Istat, l’indice armonizzato dei prezzi al consumo (IPCA) aumenta del 2,6% su base mensile, prevalentemente per effetto della fine dei saldi invernali, di cui il NIC non tiene conto, e del 7,0% su base annua, rispetto al +6,2% di febbraio.

Gli italiani e il metaverso, questo sconosciuto

Gli italiani e il metaverso, questo sconosciuto

Cosa sanno gli italiani del metaverso? Alla domanda risponde una ricerca di Sensemakers, società di consulenza specializzata nell’analisi dei media e dei comportamenti digitali, condotta per valutare il livello di conoscenza, percezioni e aspettative sul metaverso degli italiani. E secondo i risultati della ricerca, il 25% dichiara di sapere cosa sia il metaverso, percentuale che arriva al 30% tra gli uomini e scende al 21% tra le donne. E se sale fino al 37% per i giovani nella fascia d’età 18-24, e al 33% per quella 25-34 anni, scende progressivamente, fino ad arrivare al 17% per i 55-64enni al 13% per gli over 65. Anche il grado di scolarizzazione incide significativamente sul livello di conoscenza: il 30% di chi possiede un titolo di studio elevato si confronta infatti con il 19% di chi ha una scolarizzazione di base.

Per il 51% è una realtà parallela

Il 51% degli intervistati ritiene che il metaverso non sia solamente un ambiente completamente virtuale e digitalizzato, ma una realtà parallela in grado di incidere sulla vita reale e in cui poter svolgere le stesse attività della quotidianità. Il 62% degli italiani dichiara però il proprio interesse per il metaverso, identificando le maggiori opportunità nella possibilità di superare i limiti fisici spazio-temporali della vita reale (socializzazioni a distanza, Always on). La stragrande maggioranza degli intervistati (80%), ritiene però che i principali rischi siano da individuarsi proprio nella possibile ‘fuga dalla realtà’, immaginando il metaverso come ‘rifugio virtuale’ che sottrae tempo alla vita quotidiana.

Aziende, social e investimenti

Per il 56% degli italiani le aziende faranno bene a investire sul metaverso, mentre il 44% ritiene che farebbero meglio a indirizzare gli investimenti alla soluzione di ‘problemi veri’. Una posizione espressa dal 51% delle donne. Secondo il 49% poi saranno i social network ad avere maggiore successo nel metaverso, seguiti dai produttori di device tecnologici (42%), e dalle società di giochi online (41%), mentre risultano più staccate le società che offrono contenuti audiovisivi e quelle di servizi e-commerce. È interessante notare, che mentre i giovani ritengono che saranno i social ad avvantaggiarsi maggiormente, per le classi di età più anziane i successi più significativi nel metaverso saranno riscossi dai produttori di device tecnologici.

Un mondo completamente libero da regole e codici di comportamento?

Sono invece piuttosto critiche le valutazioni sugli impatti sociali del metaverso: il 43% ritiene che il metaverso aumenterà ulteriormente il potere delle società tecnologiche rispetto alle istituzioni della vita reale, mentre secondo il 30% il metaverso amplificherà le diseguaglianze economiche e sociali.
Anche in virtù di tali pericoli, riferisce Adnkronos, solo il 14% immagina che il metaverso possa essere un mondo completamente libero senza regole né codici di comportamento, con gli unici limiti rappresentati dalla tecnologia. Il 35% ritiene invece che regole e codici di comportamento dovranno essere fissati dalle stesse istituzioni pubbliche della vita reale, il 28% dalle comunità degli utenti, e il 23% dalle piattaforme tecnologiche che creeranno gli ambienti virtuali.

Cosa fare se la febbre non scende

Soprattutto in questo periodo siamo particolarmente attenti a tutti i segnali che il nostro corpo ci lancia. Ogni febbre, ogni raffreddore o sintomi influenzali vengono inevitabilmente collegati al Covid-19.

Per questo motivo andiamo nel panico, soprattutto nei casi in cui riscontriamo una brutta febbre che non vuol saperne di passare. Chiaramente il più delle volte si tratta semplicemente di un banale virus o di un malanno di stagione, dunque nulla a che vedere con la pandemia, ma facciamo comunque bene a prendere tutte le precauzioni affinché la febbre possa passare il prima possibile.

Cosa fare dunque se la febbre non scende? Diventa a questo punto necessario recarsi in ospedale, far venire un medico a domicilio o fare qualcos’altro? In questo articolo cercheremo di fare chiarezza.

L’utilità della febbre

Va detto intanto che la febbre è una preziosa risorsa per il nostro corpo, in quanto è il modo in cui il nostro sistema immunitario reagisce a virus e batteri cercando di debellarli.

Per questo motivo non sempre è necessario far scendere la febbre, chiaramente entro una certa soglia, ma lasciarla agire rimanendo comunque in casa.

Ecco allora che la febbre ha in realtà una sua utilità per il nostro corpo e diventa controproducente cercare di contrastarla al minimo segnale di aumento.

Al contrario, cerchiamo di contrastarla soltanto quando la febbre supera 38,5°, a meno che non si tratti di soggetti a rischio quali ad esempio anziani, cardiopatici o persone con insufficienza respiratoria o renale.

Quando è bene rivolgersi ad un medico

Bisogna consultare il proprio medico nel caso in cui, dopo due o tre giorni di riposo ed eventuale assunzione di farmaci, la febbre non accenni a diminuire e le sintomatologie avvertita dal paziente non migliorino.

Questo è proprio il caso in cui è bene richiedere l’intervento di un medico o direttamente un teleconsulto medico per valutare la situazione.

Ciò vale soprattutto per i soggetti a rischio di cui sopra nel momento in cui la febbre dovesse superare i 38,5° o comunque durare da più di 48 ore.

È bene dunque rivolgersi ad un medico quando la febbre raggiunge temperature Alte o quando persiste per più di 3 giorni.

I metodi per far scendere la febbre alta

Ci sono sicuramente alcuni metodi, alquanto casalinghi, che hanno una certa efficacia nel riuscire a far scendere la febbre.

Tra questi sicuramente il più famoso è quello del bagnare con acqua fredda delle pezze e porle sui polsi e le caviglie, così come sulla fronte.

Favoriscono inoltre la diminuzione della temperatura l’astensione dall’assumere alcolici e fumo e l’abbondante assunzione di acqua o succhi di frutta.

In alcuni casi può essere benefica anche una doccia tiepida, in quanto il contatto con l’acqua tiepida favorisce lo scambio di calore tra il nostro corpo e la temperatura esterna.

Questo chiaramente non è un trattamento risolutivo ma temporaneo.

Quali farmaci assumere?

Solitamente il farmaco più adoperato per far diminuire la febbre è l’acetominofene o il paracetamolo, chiaramente seguendo la posologia indicata dalla casa farmaceutica.

Anche l’aspirina ha un buon effetto antinfiammatorio, sebbene bisogna ricordare che questa non va adoperata se si ha la gastrite, l’asma, eventuali problemi alla coagulazione o patologie che interessano il cuore o i reni.

Conclusione

Come regola generale, per far scendere la febbre è sempre valido il consiglio di riposare a letto cercando di fare soltanto pasti leggeri e facili da digerire, bevendo tanta acqua e cercando se possibile di fare una doccia tiepida.

Lombardia, nel 2021 sale il numero di occupati: +2,8%

Lombardia, nel 2021 sale il numero di occupati: +2,8%

Si tinge di rosa, per fortuna, lo scenario del mercato del lavoro in Lombardia. Nel quarto trimestre 2021 il numero di occupati in Lombardia, secondo le stime Istat, è pari a 4 milioni e 418 mila individui, un numero in crescita su base annua (+120 mila unità, pari al +2,8%) ma ancora inferiore ai livelli del 2019 (-42 mila, pari al -0,9%). Si tratta del terzo incremento trimestrale positivo, che certifica la fase di crescita registrata dall’occupazione lombarda a partire dal secondo trimestre del 2021, dopo un anno di segni negativi dovuti agli effetti della crisi innescata dalla pandemia. I dati Istat sono ancora parziali, ma comunque regalano uno spaccato veritiero di quelle che sono le dinamiche occupazionali. In particolare, dalle analisi si evince che aumenta in particolare modo la componente femminile, con incrementi decisi che riportano i dati ai valori del 2019, e anche i livelli di disoccupazione appaiono finalmente in decrescita. Certo, si tratta di numeri ancora inferiori rispetto a quelli precisi, ma fanno in ogni caso ben sperare per il prossimo futuro.

Cresce la componente femminile

Il tasso di occupazione si attesta al 67,8 (era 68,5 nel quarto trimestre 2019), con la componente femminile che ha già superato i valori pre-crisi, mentre quella maschile risulta ancora inferiore di circa due punti: si riduce quindi il gap di genere, passando da 16,2 a 13,2 punti. Il tasso di disoccupazione scende al 5,4, in calo rispetto ai valori dei due anni precedenti, mentre quello di attività si attesta al 71,7: la partecipazione al mercato del lavoro lombardo si conferma in crescita negli ultimi trimestri, ma con un divario ancora consistente rispetto ai livelli pre-crisi (1,2 punti). Prosegue il processo di riassorbimento della Cassa Integrazione: nel 2021 le ore autorizzate diminuiscono del -41,6%, pur rimanendo su valori storicamente elevati.

Una regione dagli “alti livelli occupazionali”

“La Lombardia si conferma una regione caratterizzata da alti livelli occupazionali, con un tasso superiore alla media nazionale di oltre otto punti” ha dichiarato a commento dei dati  Gian Domenico Auricchio, Presidente di Unioncamere Lombardia “a differenza di quanto accaduto in Italia, però, nella nostra regione non sono ancora stati raggiunti i valori pre-crisi. Ora si tratta di recuperare pienamente la partecipazione al mercato del lavoro supportando imprese e istituti formativi per un incontro efficace tra domanda e offerta di lavoro”.

Quali sono le cose che fanno la differenza in un salone da parrucchiere?

Tutti noi siamo abituati a recarci periodicamente dal parrucchiere o barbiere per ricevere il taglio dei capelli o un acconciatura in base alle nostre preferenze

Ci sono sicuramente determinate cose alle quali facciamo caso, così come ce ne sono tante altre delle quali non ci accorgiamo, e che possono fare in modo da offrirci una percezione più o meno buona di quel determinato salone. Proprio questi aspetti sono quelli sui quali un imprenditore deve fare maggiore attenzione, in quanto proprio da loro dipende buona parte del successo di una attività.

Infatti, più un ambiente appare curato e ben definito, maggiori sono le possibilità che un cliente torni in futuro a varcare la soglia della porta.

Vediamo allora di capire quali sono questi elementi e cosa possiamo fare in concreto per lavorarci su e migliorare il nostro nuovo salone o quello che abbiamo già avviato.

Illuminazione

L’illuminazione è un aspetto fondamentale per qualsiasi tipo di attività, in particolar modo per quelle del settore salute e benessere.

I locali devono dunque essere sempre ben illuminati sia dall’alto verso il basso, e dunque parliamo di luce a soffitto, che per quanto riguarda l’illuminazione attorno alla zona degli specchi.

Una buona illuminazione è infatti in grado di rilassare gli utenti e soprattutto fare in modo che possano apprezzare tutte le sfumature di un’acconciatura grazie ai raggi diffusi della luce che raggiungono ogni lato della visuale.

Oggi esistono per questo sistemi moderni di illuminazione a led che garantiscono una ottima resa e un importante risparmio energetico.

Gli arredi

Arredare adeguatamente il tuo salone da parrucchiere o barbiere è fondamentale, perché proprio dai mobili dipende buona parte della percezione che il cliente avrà della tua attività. Scegli per questo mobili che siano eleganti e moderni, ma che al tempo stesso ti consentano di lavorare bene. Opta dunque per quei modelli che ti consentano di conservare tutta l’attrezzatura da lavoro ed eventuali panni in maniera celata agli occhi degli utenti, ma sempre a portata di mano.

Vi sono alcuni arredi di design che sono veramente belli da vedere in proposito, e grazie al giusto gioco di luci riescono anche ad apportare il perfetto contributo di stile che desideriamo.

Dunque la scelta dei mobili non è secondaria, ma al contrario bisogna scegliere bene perché questo può essere il classico valore aggiunto alla tua attività.

Le attrezzature da lavoro

I clienti fanno grande attenzione a tutte quelle che sono le tue attrezzature da lavoro. Parliamo dunque non soltanto dei lavatesta e delle poltrone da parrucchiere, ma anche di spazzole, piastre, phon e tutto quello che è l’armamentario di un parrucchiere.

Scegli allora delle forniture per parrucchieri che siano in linea con lo stile ed il tono che hai deciso di conferire alla tua attività.

D’altronde, ai clienti fa piacere sapere di essere serviti per mezzo di attrezzature idonee e moderne, in grado di assicurare risultati migliori e che abbiano anche un aspetto estetico gradevole.

Cortesia e professionalità

Quest’ultimo aspetto è, a differenza degli altri, qualcosa che non si può comprare. I clienti desiderano infatti essere sempre accolti con educazione, cortesia e con un atteggiamento positivo.

Fai per questo in modo da essere sempre proattivo ed istruisci in merito il tuo personale, così che possa offrire sempre il lato migliore di sé contribuendo a rendere l’esperienza del cliente in negozio ancora più piacevole e rilassante.

Conclusione

Segui queste indicazioni per avere la certezza che il tuo salone da parrucchiere possa effettivamente distinguersi dalla concorrenza e diventare un punto di riferimento per i clienti.

Non avere paura di osare e segui la tua strada, dando vita al tuo personalissimo stile e modo di lavorare.